Dejligt (Udine - ITA)



la sorpresa indie rock italiana del 2007

Sito: http://www.matteite.com

Etichetta: Matteite

Info: DEJLIGT, il nuovo sbilenco progetto musicale di Matteo Dainese (già Ulan Bator, Here, Meathead, Jitterbugs, Warfare e Bikini Bandits) ed Enrico Molteni (Tre allegri ragazzi morti). Il nome della band in danese, definisce tutto ciò che è buono, emozionante e amorevole. Il progetto viene alla luce nell`autunno del 2005 a Copenhagen dall`intenzione di rivisitare in chiave acustica parte del materiale accumulatosi negli ultimi anni. Materiale che nel tempo si è poi tradotto in "Feed the Dog": un disco elettrico e giocattoloso, sospeso tra strumenti suonati (basso, chitarre, batteria, farfisa, synth, seghe…) ed elettronica low-fi (campioni, basi…). Un raffinato giocattolo che stuzzica, accarezza e accoglie tra le sue braccia l`orecchio di chi lo ascolta. Il desiderio di essere compresi da tutti spiega la scelta della lingua inglese. Testi malinconici e novembrini danzano sospesi al centro di una festa. Il materiale arricchito grazie alla collaborazione di Enrico Molteni, indispensabile compagno di viaggio, prende la sua forma finale con l`apporto creativo di altri amici artisti: Carolyn Honeychild Coleman (Badawi, Apollo Heights e Here), Troy von Balthazar (Chokebore), Colin Lee (Bikini Bandits), Rob (Marzuraan) ed Enrico Berto. Il disco è stato prodotto artisticamente da Matteo "Matteite" Dainese e registrato tra l`NHQ Recording Studio di Ferrara e il Mushroom Studio di Aviano da Max Stirner ed Enrico Berto nell`aprile 2006, che hanno messo a disposizione competenza e strumentazione professional-analogica.

Press: ”Elettronica lo fi di scuola Morr Music e partiture acustiche da anima a nudo si fondono in un turbine di suggestioni e memorie agrodolci come la vita che raccontano.”
Barbara Tomasino - Rumore

”Convinti che registrare un disco significhi mettere in piedi un laboratorio dove brani scritti per voce e chitarra possono trasformarsi in esperimenti sonori ricchi di campionamenti e sintetizzatori, i due spaziano dal rock irresistibile di Behind the Curtain al pasticcio elettronico di Take the First Self Leaving. Convincendo senza bisogno di darsi regole.”
Emiliano Coraretti - XL (La Repubblica)

"Dal rock più classico a quello contaminato di elettronica, il passo è davvero breve. Ce lo dimostrano i Dejligt, duo composto da Matteo Dainese (Ulan Bator, Meat Head, ecc.) ed Enrico Molteni (bassista dei Tre Allegri Ragazzi Morti). La loro prima fatica intitolata Feed the Dog (Matteite / Venus) vede chitarre noise e batteria scarna intrecciarsi con loop elettronici e altre sonorità campionate. Il risultato è un insieme di canzoni dal piglio marcatamente lo-fi, ma altamente coinvolgente come nel caso di Never Go Back e My Favourite Supervisor."
Luca Diletta - Rockstar

”Un progetto tanto variopinto quanto semplice ed immediato, fatto di elettronica low-fi colorata in studio e rifinita con bassi, piano, chitarre e batterie suonati, e pure bene. Non di meno la voce, che unplugged e in inglese, si muove raffinata su basi noise, a tratti giocose, ma sempre convincenti.”
Sveva Staffaroni - Rock Sound

“Tra ballate laceranti e sprofondate in abissi interiori (Blue Station, con una splendida tastiera wyattiana), episodi di postmoderna mutazione folk-punk (Never Go Back) e giocattoleria elettronica più (Chop Chop) o meno (My Favorite Supervisor) marcata, il risultato è una finestra sul mondo dell’autore, che riesce a mettere insieme spontaneità “do it yourself” ed elaborazione sonora, coinvolgendo alcuni amici tra cui Carolyn Honeychild Coleman (Badawi, Apollo Heights, Here), Troy Von Balthazar (Chokebore) e Colin Lee (Bikini Bandits).Una sorpresa inaspettata, coincidente con la nascita di una nuova etichetta, la Matteite, che ci pare partire con i migliori auspici.”

Alessandro Besselva Averame – Fuori dal Mucchio (Il Mucchio Selvaggio Web)
“Un`elettronica bambina che a momenti gioca a fare la grande, assumendo pose glich pop, ma che preferisce creare morbide - quasi gommose - linee sonore. Molto carino.”
Sara Loddo – Rockit.it