Obits (Brooklyn - USA)



ex Drive Like Jehu e Hot Snakes. punk blues`n`r

Sito: www.obitsurl.com

Etichetta: Sub Pop

Info: Negli ultimi anni si è, spesso, sentita questa voce incontrollata di una nuova band di Brooklyn con un paio di veterani dell`indie rock nelle sue fila. Si supponeva fossero al lavoro già dal 2006, ma ancora non pronti a suonare dal vivo. Alla fine l`hanno fatto e un bootleg di quel primo concerto ha immediatamente fatto il giro di tutto il web. Invece che mettere delle registrazioni in studio a disposizione del pubblico, la band ha usato anche sulla propria pagina di Myspace quelle stesse take.
Ma gli Obits non sapevano quanto il pubblico, preso dall`ascolto, stesse fremendo per averne ancora. Con soltanto il bootleg al quale appoggiarsi, i blogger hanno cercato di riempire i vuoti di informazioni con riferimenti non sempre precisi: non suonano certo come i Creedence, giusto un vago rimando. Chissà cosa passò nella testa dei tipi della Sub Pop quando invitarono la band, nel Luglio del 2008, a suonare al festival per i primi 20 anni dell`etichetta, tenutosi a Seattle mesi prima che l`inchiostro di qualsivoglia contratto si asciugasse.
"Onestamente, è stato lusinghiero, ma ci è sembrato anche un po` assurdo" - dice il cantante/chitarrista Sohrab Habibion, in passato membro dei grandissimi Edsel di Washington D.C. - "Avevo questa immagine quasi comica di queste persone, sedute intorno a un tavolo da riunioni intente ad ascoltare una schifosa registrazione live uscendosene con cose come "Yeah, siamo totalmente innamorati di questa roba!" Se fosse andata così, non mi dispiacerebbe avere una foto ricordo della scena." E il bassista Greg Simpson, con una risata aggiunge, "Credo che la scarsa qualità della registrazione ci abbia fatto apparire decisamente migliori."
All`inizio, Habibion, il cantante chitarrista Rick Froberg (già nei fondatori del sound di San Diego Drive Like Jehu e negli Hot Snakes) e il batterista Scott Gursky, erano dell`idea di tirare su una formazione a tre chitarre che "riempisse all`incirca lo stesso range melodico e tonale" ma quando Simpson entrò nel gruppo l`equilibrio fu trovato nell`interazione tra le due chitarre e il basso, come da programma.

Rick Froberg Chitarra / Voce
Sohrab Habibion Chitarra / Voce
Greg Simpson Basso
Scott Gursky Batteria


"Gli OBITS si formano nel 2008 grazie all`incontro di quattro musicisti per nulla sconosciuti nel panorama rock alternativo americano. Il cantante/chitarrista Rick Froberg, infatti, era membro di Drive Like Jehu e Hot Snakes, mentre Sohrab Habibion era il leader e fondatore degli Edsel di Washington D.C.
Hanno partecipato al ventennale di Sub Pop suonando al Festival di Seattle lo scorso Luglio. A fine 2008 è uscito il loro primo singolo "One Cross Apiece/ Put It In Writing" per la loro etichetta Stint." (bio da mtv.it)

Qui è possibile scaricare legalmente il loro primo live per intero
http://freemusicarchive.org/music/Obits/Live_at_Cake_Shop_11208

Press: "Vengono da Brooklyn i nuovi interpreti di casa Sub Pop e sono sicuramente in grado di mantenere alto il nome della mitica label indipendente di Seattle. All’esordio con questo “I Blame You” dalla copertina stramba e affascinante (sembra la locandina di qualche film horror anni cinquanta, tipo “Blob”, o di un fumetto di serie B), vi ricorderanno molti bei nomi della casa madre. Si apre con “Widow of My Dreams” il loro album, pezzo dall’andamento ipnotico e chitarre golose, per proseguire con “Pine On”, psicotica barret-song buona per una scena d’inseguimento d’auto, e poi “Fake Kinkade”, con chitarre a briglia sciolta e una batteria insistente. Grazie al quarto pezzo, “Two-Headed Coin”, il disco raggiunge il suo vertice: blues sporco buono per un film del giovane Jarmush (ricorda in parte la musica nella scena iniziale del suo cult assoluto “Daunbailò”); ma non sono niente male anche “Talking to the Dog” (tra Iggy Pop e il grunge), “Lilies in the Street”, classico del rock già al primo ascolto e “SUD”, crepuscolare, psichedelica, sperimentale canzone per un moderno film western. " L`alligatore - Smemoranda
"Gli Obits sono quattro ragazzi di Brooklyn. Formazione tipo: due chitarre, basso e batteria. Rick Froberg (chitarra e voce) era il frontman degli Hot Snakes e ha militato in passato in un signor gruppo, dal nome Drive Like Jehu (se non li conoscete reperiteli in qualche modo!). Coordinate dei quattro: rock’n’roll e una capacità compositiva davvero niente male. Ma non un rock’n’roll semplicemente diretto nella nostra faccia: anche quello, ma c’è molto altro. Basti pensare che tra gli ascolti dei quattro ci sono cose totalmente agli antipodi tra loro: dai Television ai Wipers, passando per 13th Floor Elevators e Neu!. E queste influenze si fanno sentire, eccome. " Emanuele Chiti - Indieforbunnies.com
"Forse perché suona un alt-rock sudaticcio, spigoloso il giusto, con una produzione delle chitarre su cui, davvero, non si può dire nulla. Ed è per questo che aldilà dell’abbigliamento, io e gli Obits siamo diversi. I Blame You è un disco per gente seria che non si sporca le mani, privo di frivolezze, curiosità e ironia (pop = fighette). Una verità che non si discute, aprioristica e poco democratica (“siamo autentici, non potete giudicarci”)." Simone Varriale - Vitaminic.it