logotype

Off 3#11

Locandina 26012012

Giovedì Off 3#11
Giovedì 26 Gennaio 2012 h2200
Ingresso: 7€ - Under 21: 5€

La Claque in Agorà / Teatro della Tosse
Vico San Donato 9 angolo vico Biscotti
IT-16123 Genova

Ardecore (Il Manifesto - Roma ITA)
musica tradizionale romana rivisitata
Santiago Moreno Hombre Orquestra (Buenos Aires / Genova) 
one man band

Tornano a trovarci gli Ardecore, già vincitori di un Premio Tenco e già ospiti delle nostre serate. Eccezionale formazione romana che fa del recupero e della riscrittura della tradizione storica il proprio marchio di fabbrica senza pari. Struggenti, emozionanti, carichi, divertenti: ci presentano il nuovo disco San Cadoco. Da brividi. In apertura un assaggio dello spettacolo itinerante di Santiago degli Aparecidos.

Tutte le settimane disorderdrama.org porta grandi nomi alla Claque. Non mancate! La crema della musica underground fa tappa a Genova nella splendida cornice della terza sala del Teatro Della Tosse. Un ambiente speciale e particolare, per gustare al meglio le performance dei migliori artisti in tourneè in Europa.

Iscriviti all'evento su Facebook!


Ardecore

Ardecore (Il Manifesto - Roma ITA)
musica tradizionale romana rivisitata

Sito: http://www.ardecore.com/
Etichetta: Il Manifesto http://musica.ilmanifesto.it/

Info: Ardecore è un progetto musicale nato dall`incontro artistico tra la band post-core degli Zu, il cantautore blues Giampaolo Felici ed il chitarrista americano Geoff Farina, ex-frontman dei Karate. L`intento iniziale del gruppo musicale era quello di rielaborare in chiave moderna le canzoni appartenenti alla tradizione popolare romanesca, rispettandone l`ossatura e le particolarità stilistiche.Da qui` la nascita del primo album omonimo "Ardecore" pubblicato nel 2005 per la collana Il Manifesto. Il filo conduttore delle nove canzoni che compongono l`album è l`ispirazione al lato più oscuro e drammatico della tradizione popolare romana. Le tematiche principali, quindi, sono l`amore, nel suo aspetto più tragico (la morte, il tradimento); le insidie del Tevere ed il carcere. Nel 2007 è uscito il loro secondo disco, Chimera sempre per la collana Il Manifesto. A differenza del primo, Chimera è fatto soprattutto da canzoni originali, oltre a nuove reinterpretazioni di vecchi brani della tradizione musicale italiana. Il progetto diventa in questo secondo disco decisamente più ampio nelle collaborazioni, dando spazio, oltre che ai componenti presenti nel primo album, a musicisti e strumenti "nuovi" che rendono questo secondo lavoro molto più versatile e ricco nei contenuti e nelle sonorità. Il carattere acustico del primo disco è ora ampliato da un apporto "elettrico" che non allontana comunque il gruppo da quei temi che avevano in precedenza acceso una forte attenzione sulla loro musica. La presenza in molti brani di sezioni fiati ed archi allarga ulteriormente gli orizzonti sonori di questo nuovo album. Chimera, è composto da dieci tracce, dove la melodia di radice italiana è accompagnata da strutture musicali, che partendo dal folk nostrano e attraversando una vasta serie di generi contemporanei che vanno dal blues al jazz dei primordi, arriva a toccare sonorità che precorrono i tempi, con un gusto del tutto originale e personale. "Chimera" vince il Premio Luigi Tenco come migliore opera prima del 2007.

Ardecore nasce spontaneamenta dal bisogno di ricollocare la musica romana in un contesto più ampio di quello in cui è stata relegata nell`ultimo scorcio di storia musicale. Le particolarità della sua struttura, nei suoi arrangiamenti come nei suoi testi la rendono unica ed era impossibile non accorgersi di questo senza tentare di porvi rimedio. Questo bisogno è stato principalmente la scintilla che ha "riacceso il cuore" verso i suoni e le storie di Roma. Di fatto l`idea del progetto nasce nella primavera del 2002 nel corso del tour europeo dei Karate e Zu , con Blind Loving Power a fare da apertura. I concerti, estremamente vari come proposta (dal black gospel malato del "one man band", al post punk jazz del trio romano fino al morbido post rock con venature soul dei tre di Boston), venivano aperti e chiusi da vecchi dischi di musica romana depistando piacevolmente ancora di più il pubblico. In più di un` occasione tra i brani blues gospel di B.L.P. si faceva spazio qualche stornello "maledetto"... quindi l`idea di registrare i brani più scuri della discografia romana raccolti in un progetto che li esalti, proponendoli all`ascolto anche di chi in genere non ha affinità con le sonorità folk. Alla fine del tour Geoff Farina propone di rivedersi di li a breve per registrare, ma passeranno ancora due anni prima della prima prova registrata. In quel periodo sia karate che zu continuano la loro attività live e discografica mentre Blind Loving Power dopo un breve tour solista in Belgio , rallenta la sua attività live per dedicarsi all`apertura di uno spazio che coinvolga i musicisti da tutto il mondo con quelli romani, nasce dunque l`Init di Roma. L`inaugurazione dello spazio è affidata ai tre progetti che si riuniscono per l`occasione, la stagione successiva riunirà ancora i musicisti, ma questa volta per iniziare le registrazioni di Ardecore, avvalendosi anche dell`aiuto di Luca Venitucci alla fisarmonica e Valerio Borgianelli al vibrafono. Giampaolo Felici. in solo come Blind Loving Power suona dirty-gospel con voce, chitarra, e un vano doccia sotto i piedi.... Geoff Farina. autore-chitarrista-cantante della band statunitense Karate, uno dei gruppi post-rock più amati in Italia ed Europa. Luca Mai, Massimo Pupillo e Jacopo Battaglia sono i tre Zu: 8 cd all` attivo, piu` di 500 concerti in tutto il mondo . Luca Venitucci. conosciuto jazzista ed improvvisatore. Ha suonato al fianco di Lou Reed con l`ensemble di Berlino Zeitkratzer. Valerio Borgianelli. attivo nella musica contemporanea, e` stato invitato da Steve Reich alla Columbia University di New York.

Santiago Moreno Hombre Orquestra (Buenos Aires / Genova) 
one man band

Info: Santiago Moreno nasce a Buenos Aires. Polistrumentista Giovanissimo uomo-orchestra argentino dotato di diversi strumenti, Santiago cammina tra la gente attrezzato di chitarra, ukulele, rullante, campana, bombo, voce... e minuteria metallica. Il suo è un repertorio di canzoni proprie o tratte dalla cultura sudamericana.
Giovanissimo viene a vivere in Italia e a Genova forma insieme a suo fratello Fernando ed altri cinque musicisti il gruppo Aparecidos potente formula chimica d' influenze musicali sudamericane ed europee. Allo studio con il gruppo affiancano l'abitudine di suonare per i carruggi genovesi soli o accompagnati dalla splendida voce di Tatiana Zakarova. In trio si esibiscono a mosca e in alcuni festival di teatro di strada italiani e così incontrano nel 2006 la famiglia di girovago e rondella. Subito vengono scritturati come musicisti dalla compagnia e dopo poco hanno in cantiere lo spettacolo “El cubo libre!” con i figli timoteo e rugiada. Si esibiscono con lo spettacolo in Italia e all'estero in Olanda e in Spagna. Al momento affiancano al lavoro-studio sul cubo libre altre creazioni come “historieta de un abrazo ed el hombre orquesta”, oltre alle nuove produzioni con Girovago e Rondella.


Direttamente dal soundcheck - video by Giulia Pipino