Ass. Cult. DisorderDrama

Portron Portron Lopez

Se c’è una cosa alla quale DisorderDrama guarda nel programmare concerti è il piacere della presa bene nei gruppi che vanno sul palco. Questo giovane trio parigino ne ha da vendere mentre mischia con estrema nonchalance un rock di matrice a la Captain Beefheart, dai suoni da garage e spigoli vari, ai ritmi della musica africana tra l’Afrobeat di Fela Kuti e la psichedelia di Mdou Moctar. Una musica esplosiva, che dal vivo trova la sua formula più riuscita. Verranno a presentare il nuovo disco in uscita, quello della maturità, con la benedizione dell’Orchestra Tout Puissant Marcel Duchamp, nella rinnovata Area Archeologica dei Giardini Luzzati.

Prima e dopo le selezioni in vinile degli Angeli Del Funk, che contribuiranno alla serata con la loro selezione più ballabile!
Impro dirty funk jazz band e selezione di dischi quantomeno eclettica“.

 

Ingresso GRATUITO dalle ore 2100

Evento su Facebook


Portron Portron Lopez
(Les Potagers Natures – Parigi FRA)
afrobeat bluesrock strumentale

info: Il trio Portron Portron Lopez è nato nel 2011. La loro musica potrebbe essere descritta come un rock da trampolino. Ciò che hanno è l’audacia della giovinezza e un solido talento musicale che fa scatenare la folla. al pubblico la musica dei Portron Portron Lopez non fa fare headbanging ma stimola i movimenti orizzontali di scuotimento dei fianchi. Cos’altro può succedere con il ritmo frenetico dell’afrobeat condito con un rock pazzesco e un drumming selvaggio?
Due dei tre musicisti sono chitarristi che guidano la musica come due macchine da corsa su una strada di montagna cercando di superarsi a vicenda, anche nelle curve. I loro dischi suonano come tutte le velocità possibili in un viaggio a bassa visibilità lungo una scogliera. Nel complesso, è un invito a ballare e a ridere.
Ice Cream Soufi” è il nome del loro quarto album; i titoli di ogni traccia riassumono la natura anticonformista di tutto questo. Tra “Comment Vas-Tu Rossignol” e “Tayau” c’è tutto un mondo di tamburelli spezzati e rumori delle dita sulle corde a bizzeffe nato dalla simbiosi del trio. Prendono sul serio solo la loro musica nel suo insieme. Il loro suono è solido ma non rigido, eccezionale ma non vanaglorioso e la loro abilità con i loro strumenti brilla in ogni pezzo. I suoni di chitarra possono dipingere il quadro di un capolavoro tagliente con la stessa abilità del sereno paesaggio del tramonto.
Strano in senso positivo, fantastico, grazioso, piacevole: forme curiose e distorte – qualcosa di unico che invoca simultaneamente nel pubblico un sentimento di status privilegiato così come un rossore simpatico. È una calamita potente che cattura l’attenzione di tutti. Accordi incisivi, blues surreali, bella gente. Sorrisi. Note che cercano di trovare un equilibrio tra arte e precisione, melodie concettuali lontane dalle strutture tradizionali.

press: “I fratelli Portron hanno pubblicato un nuovo album! Il trio chitarra-batteria è cambiato e il batterista non si chiama più Lopez, ma l’energia esuberante è ancora lì e questo opus vi dà la possibilità di ascoltare composizioni che oscillano tra afrobeat, blues, zouk, pop hawaiano, folk, garage rock, musica ripetitiva e rumore… a modo loro.” Ziklibrenbib.fr
C’è un lato di questo disco che non è al passo con i tempi, fuori dai tempi, che è abbastanza affascinante. Come se i sogni vecchi e obsoleti potessero rinascere, come se il tempo non fosse così veloce come siamo portati a credere, come se si potesse ancora vivere isolati dal rumore del mondo civilizzato ed essere perfettamente felici, equilibrati, come se l’arte non fosse lì solo per riversare un dolore profondo e romantico. C’è un messaggio dietro questa musica, un messaggio da scoprire, ricco, complesso e pieno di umanità che è sicuramente l’eco di una canzone canticchiata tra le braccia di una cascata.” LesPotagerNatures.org
Ho da poco scoperto questo Trio super TRip di giovani francesi del sud zona Aquitania. Ho preso il loro LP più superTRIPPONE risalente al 2015 fa dal titolo : “Moi Aussi J’Ai Des Amis Qui Font Du Bruit” (Anch’io ho amici che fanno rumore). Il titolo è come un manifesto, i ragazzi fanno rumore e che rumore! L’Lp parte con un pezzo postpunk stranulato mentre già dal secondo pezzo si capisce che si andrà ad esplorare territori Krauti-psichedelici ripetitivi che si mischiano ad atmosfere di musica beduina beefhartiana. Un disco enorme, sconosciuto da avere se riuscirete a trovarlo. Nel 2018 è uscito il nuovo album “De Colère Et D’Envie”(di Rabbia e Invidia) che va ad esplorare territori più contaminati e sperimentali. C’è stata un’evoluzione, indubbiamente un miglioramento tecnico, però i ragazzi sono rimasti veraci e fanno viaggiare sempre con le solite doppie chitarre e il batterismo tribale… un altro super disco. Gli lp e i vari singoli in cassetta-cdr sono tutti sono usciti sulla loro etichetta PoiL Records e curati nei minimi dettagli con serigrafie e disegni.” Luca Tanzini – Acqua Non Potabile
Questo disco è rimasto sugli scaffali per un po’. E davvero non riesco a capire perché ci sia voluto così tanto tempo per uscire. La bella copertina rosa e blu e l’elegante confezione avrebbero dovuto attirare l’attenzione. Il disco è stato anche inviato con una bella nota, qualcosa di scritto a mano come si faceva nel secolo scorso. Fronte e retro. Non si dimentica mai. È stata forse la seconda traccia, con i suoi otto minuti pieni di chitarre e assoli, che mi ha fatto gentilmente rimandare questo disco fino al calendario greco. Il suo titolo è En Attendant. È stato preso alla lettera. Portron Portron Lopez, un trio con i fratelli Portron alle chitarre (la lirica e la ritmica) e il loro amico Lopez alla batteria. Hanno sede a Courcelles-La-Forêt. Non cercarlo, è nella Sarthe. Il destino a volte è crudele. Ma Portron Portron Lopez non è un fatalista e il giorno del Rifiuto della Miseria, hanno lavorato duramente sui loro strumenti per uscire dalla loro triste condizione. Da quel benedetto giorno, hanno pubblicato uno split album con Truite (non te lo puoi inventare, sono di Mayenne) nel 2014 e un secondo, su vinile, Moi Aussi J’Ai Des Amis Qui Font Du Bruit, perché in alcuni posti, questo è raro e ne siamo orgogliosi. A dire il vero, uno è nato a Parigi, un altro a Barcellona, vivono dove vogliono e possono ma sul loro sito web, c’è scritto Courcelles-La-Forêt quindi la leggenda è in arrivo. Portron Portron Lopez non ha un cantante. Ma se il loro rock è strumentale, è soprattutto gratuito. Molto libero. E per niente matematico. O postare qualcosa che faccia rima con “alla moda”. Vaga. Dappertutto e da nessuna parte. Lo spirito di Api Uiz di Bordeaux aleggia sul trio. E quella di Captain Beefheart. Ma piuttosto che privilegiare l’approccio noise e le dissonanze che abbagliano il cielo della Garonna, PPL opta per una psichedelia vecchio stile, il piacere semplice e giocoso di triturare il manico delle loro chitarre in una sorta di improvvisazione continua. Qualunque cosa accada. Anche il nome dei Velvet Underground potrebbe essere aggiunto ai paragoni, anche se le primissime note di chitarra di Everybody’s Got A Number In The Neck mi hanno fatto pensare a Polvo. Ma non è durato. Il famoso assistente En è tornato. E quando si tratta di assoli, è tutta una questione di corde. Suona già meglio. Non è il nirvana, ma in questa lunga digressione è possibile andare in trance. Questo non succede a me, ma penso ai più deboli tra voi. E Portron and Co. hanno un sacco di escursioni fumose che ti fanno perdere la testa. Si chiama Dinosaur, Sol Mammoth o Leeloo (non conosco quest’ultima specie), è pieno di elettricità che va in rotazione, di brevi accelerazioni rock’n’roll (Lenticchie), di un graffio leggermente malinconico, Non sono sicuro se riuscirò mai ad averne uno, ma fino a quando profumerà di gioia di vivere e di spensieratezza, con un po’ di terra tra i piedi come gli hippy di campagna, chiuderò gli occhi (e mi tapperò il naso). A volte mi blocco, ma il più delle volte tengo duro. Chissà perché questa improvvisa esplosione di coraggio. Ma questo disco tra amici che fanno rumore nel loro angolo in tutto relax emana un dolce profumo di abbandono e benevolenza.” SKX – Perte&Fracas Zine

sito: https://portronportronlopez.bandcamp.com/
video: https://www.youtube.com/channel/UCNVXjHep1p77lKk2GJn_vyg

 

dDRAMA – Next

04 Dic 2022

Maury♥Tanja

22 Dic 2022

Archivio CMPSTR

Dall’ottobre 2008 al settembre 2017 abbiamo tenuto un blog su tumblr ripostando tutti link, recensioni, video e immagini su un po’ dei gruppi genovesi che combinavano sfracelli fuori dalle mura di casa. Stiamo mettendo a posto l’archivio. Buona ricerca

Tag